rehub è un laboratorio che dà una seconda possibilità agli scarti di vetro sfruttando processi ad alto tasso tecnologico

Il 50% del vetro lavorato a Murano diventa scarto; si stima che l'intero comparto produca circa 1.000 tonnellate/anno di sfrido di produzione. Questo vetro non può essere riciclato e finisce in discarica come "rifiuto speciale". Ma è pur sempre vetro di Murano.

Per dare nuovo valore a questi rifiuti "illustri", abbiamo inventato un nuovo processo di manipolazione del vetro, un sistema di economia circolare in grado di processare localmente gli scarti delle fornaci, per creare nuove cose, nuovi oggetti, nuove collaborazioni e contaminazioni.

Attraverso il nostro processo il vetro di scarto diventa una pasta malleabile, estrudibile a temperatura ambiente mediante una stampante 3D. Una volta stampati, gli oggetti subiscono un breve passaggio in forno dove sinterizzano, perdendo la parte non vetrosa del composto iniziale. Realizziamo forme e geometrie impossibile da ottenere con qualsiasi altra tecnica tradizionale; possiamo produrre oggetti stand-alone, ma anche decorazioni applicabili a caldo ad altri manufatti in vetro.

Per ottimizzare il processo, abbiamo progettato e costruito una macchina e un estrusore ad hoc, per i quali abbiamo già depositato domanda di brevetto. Il sistema può essere applicato anche ad altri tipi di materiali minerali non ferrosi, come gli scarti ceramici, quelli edili e da cava.

rehub sta crescendo... Stay tuned!


REHUB SRL | Rio Terà San Salvador, 1 | 30141 | Murano - VENEZIA | +39.334.1303433 | P.IVA: 04724510278

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.